Loading...

Il sodio è un elemento che si verifica comunemente negli alimenti

Il sodio è un elemento che si verifica comunemente negli alimenti, Il sodio è un elemento che si verifica comunemente negli alimenti, e la sua più grande fonte è il sale da tavola (cloruro di sodio, NaCl ).

Il sale viene aggiunto a molti prodotti alimentari durante i processi tecnologici e durante la preparazione del cibo. Circa il 40 % del sale è sodio. Un cucchiaino di cloruro di sodio contiene 2000 mg di sodio. Il minerale è presente anche in forma di bicarbonato di sodio ( ad es. nelle bevande ) e glutaminio di sodio.

L’ assunzione media di sodio

L’ assunzione media di sale – la principale fonte di sodio nella dieta – e’ di circa 8 g al giorno per persona. Il livello di assunzione di sodio è 1850 mg di sodio per persona, che dopo la “conversione ” in sale da cucina da’ un totale di 12 g di cloruro di sodio al giorno. Nel frattempo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS) raccomanda un consumo massimo di 4-5 grammi di sale al giorno.

Il sale e altre fonti di sodio

Tra le principali fonti di sodio nelle famiglie polacche ci sono i cereali, carne, latte e latticini.

La maggior parte di sodio contengono gli alimenti elaborati. I formaggi stagionati ed elaborati formaggi, cereali e prodotti a base di carne di solito contengono grandi quantità di sodio. Per quanto riguarda i prodotti per la colazione, si dice anche del sale nascosto. I cereali per la colazione hanno un sapore dolceIl sodio è un elemento che si verifica comunemente negli alimenti,, e hanno un alto contenuto di sodio, in questi quelli che derivano dal sale. Si aggiunge durante i processi tecnologici.

Organizzando il menù del giorno si dovrebbe prestare attenzione non solo al sale aggiunto  ai nostri pasti, ma anche al cloruro di sodio che è aggiunto nei prodotti trasformati industriali. Meno il prodotto e’ elaborato, minore è il contenuto di sodio.

Si consiglia di evitare i prodotti fast food, snack salati e prodotti solubili ( ad es. Salse e zuppe ). Tuttavia, grandi quantità di sodio possono anche trovarsi nei dolci, tra gli altri, in barrette di cioccolato, biscotti e cioccolato.

Caffè – un sacco di gente

Caffè - un sacco di gente Caffè – un sacco di gente non si immagina la mattina senza questa bevanda. Il caffè macinato popolare, piu’ spesso e’ sostituito dal caffè solubile.

Perché il caffè solubile( istantaneo) è diventato così popolare? Il caffè solubile,lo prendiamo molto volentieri.Non richiede la rettifica o la bollitura, così velocemente e senza troppa fatica, ci si degna di essa ovunque. È opinione comune che il caffè solubile è ottenuto con l’impiego di complesse reazioni chimiche nel corso della quale si producono una varietà di sostanze nocive, in quanto si ritiene che il prodotto finale non è realmente il caffè,ma una bevanda aromatizzata simile al caffe’. È che davvero? Il caffè solubile è sano?

Il caffè apprezzato dai consumatori

La storia del caffè solubile è iniziata all’inizio del XX secolo da un chimico giapponese Sartori Kato. Tuttavia, tutto lo splendore scorreva sull’ americano George Washington, che in parallelo e in modo indipendente dal Kato, ha sviluppato un proprio metodo di produzione del caffè solubile e ha mostrato un talento maggiore per le imprese, il primo ad introdurre, nel commercio. Nel 1938, la produzione del caffè solubile su vasta scala e’ stata presa  dall’azienda Nescafé e, quindi, è diventato popolare in tutto il mondo.

Tra i principali vantaggi percepiti dai consumatori si puo’ citare principalmente la facilità e la rapidità di preparazione. La preparazione adeguata richiede l’utilizzo del caffè macinato o L’espresso a pressione o la moka. Se si acquista i chicchi di caffe’ arrostito è necessario macinarlo in un macinino da caffè. Il caffè istantaneo è preparato in una tazza o coppa. Basta solo l’acqua bollente.

Il processo di produzione del caffè solubile

Il caffè solubile è prodotto da una serie di processi complessi. I chicchi sono schiacciati e fatti passare attraverso un getto di acqua calda ad alta pressione. Come risultato di questo processo, si forma l’estrattCaffè - un sacco di genteo. L’estratto di chicchi di caffè viene sottoposto a successivi processi tecnologici, che sono a loro volta:

  • pulizia
  • filtraggio
  • essiccazione

Il concentrato di caffè preparato  viene messo a vapore,e poi pompato in un serbatoio alto dove la temperatura è alta. Sotto la sua influenza raggiunge l’evaporazione dell’acqua dall’estratto e si ottiene i granuli di caffè. Oggi si utilizza anche il metodo di produzione che coinvolge l’essiccazione di una tecnica di congelamento.